logo

Privatisti

b2

 

L’ESAME DA PRIVATISTI

 


Scegli la soluzione più adatta alle tue esigenze

Se non hai tempo per frequentare le lezioni o non riesci a conciliare gli impegni con gli orari delle lezioni, scegliere di conseguire la patente da privatista può essere la scelta adatta alle tue esigenze.

Il vantaggio di conseguire la patente da privatista è quello di poter studiare gli argomenti nei tempi e nei modi più consoni alle proprie esigenze. La PitStop, subentra nel momento in cui, per sostenere l’esame pratico ci sarà bisogno del veicolo e dell’assistenza adatta.

 

Iter e documenti necessari per l’ esame presso motorizzazione

Per conseguire la patente b il candidato privatista deve presentare la domanda sul modulo TT2112” , presso un Ufficio della Motorizzazione civile.

Al modulo va allegata la seguente documentazione:

– Attestazione del versamento di € 16,00 sul c/c 4028;

– Attestazione del versamento di € 26,40 sul c/c 9001;

– Attestazione del versamento di € 16,00 sul c/c 4028,  per accedere alla prenotazione dell’esame pratico;

– Documento di identità in corso di validità in visione e relativa fotocopia integrale;

– 2 foto recenti formato tessera su fondo bianco ed a capo scoperto, su carta non termica;

– Certificato medico in bollo (e relativa fotocopia), con fotografia, la cui data non sia anteriore a 3 (tre) mesi, rilasciato da un medico di cui all’art. 119 del Codice della Strada;

Per i cittadini extracomunitari é richiesta l’esibizione del permesso di soggiorno o carta di soggiorno in corso di validità. Tale documento dovrà essere esibito in originale anche in occasione dell’esame di teoria e di guida.
Potrete trovare i bollettini presso gli Uffici della Motorizzazione e gli uffici postali.

L’esame teorico: i quiz da privatista – Una volta presentata la domanda è possibile sostenere l’esame di teoria. Se hai già studiato e ti ritieni pronto puoi fare l’esame nella prima sessione disponibile, entro sei mesi dalla presentazione della domanda. In caso di bocciatura puoi ripetere i quiz a distanza di un mese. In caso di doppia bocciatura, la domanda va ripresentata con i relativi allegati. In questo caso, però, ti consigliamo, se ti è possibile, di iscriverti a scuola guida, forse hai bisogno di una preparazione più approfondita.

L’esame di guida da privatista – Superato l’esame di teoria ti verrà consegnato il Foglio Rosa, che ti consentirà di esercitarti alla guida, affiancato da una persona patentata da almeno 10 anni ( o dal vostro istruttore ). Le nuove regole per sostenere l’esame di guida obbligano i patentandi a sostenere almeno 6 ore di guida, affiancati da un istruttore abilitato. Le 6 ore verranno così suddivise:

– 2 ore su strade urbane;
– 2 ore su strade extraurbane;
– 2 ore in condizioni di visibilità notturna.

Rilasceremo attestato comprovante tali ore obbligatorie, in modo che il candidato potrà accedere all’esame di guida, che potrà essere ripetuto un’altra volta, in caso di bocciatura, nel periodo massimo di 6 mesi dalla data del superamento dell’esame teorico.

×
Salve, posso aiutarti?